DIPLOMA EQUIPOLLENTE ALLA LAUREA TRIENNALE
ARTE E TECNOLOGIA DEL CINEMA E DELL'AUDIOVISIVO

Realizzazione Multimediale

biennio di specializzazione

Descrizione corso

La multimedialità e i nuovi media sono un disciplina straordinariamente vasta, difficilmente etichettabile e in continua evoluzione.
Elementi caratterizzanti sono la presenza simultanea di media e contenuti di diverso tipo (video, immagini, fotografia, audio, testi, grafiche e infografiche, animazioni, etc) e relativa post produzione (fotoritocco, compositing, montaggio, editing etc), l’interattività, la diffusione e comunicazione attraverso canali tradizionali e non (schermi, device, computer, proiezioni e videomapping, browser, app, superfici non convenzionali etc) in vari ambiti applicativi (cinema, televisione, arti multimediali, installazioni, web, live performance, videodanza, videoteatro, videogiochi, realtà aumentata, etc).

Il biennio di Multimedia approfondisce teorie e pratiche della produzione multimediale, la storia dei media, le esperienze contemporanee nel campo della comunicazione, dell’arte, dello spettacolo, lo studio dei linguaggi e delle tecnologie digitali. L’obiettivo è la formazione di professionalità con le competenze multidisciplinari necessarie per progettare e realizzare contenuti ed esperienze multimediali che sviluppino inoltre la capacità di aggiornare permanentemente le proprie conoscenze misurandosi costantemente con nuove tecnologie e metodologie di lavoro.

Le discipline multimediali costituiscono un campo straordinariamente vasto di ideazione e realizzazione di produzioni audiovisive tramite linguaggi e tecnologie diverse, destinate alla comunicazione anche attraverso canali non tradizionali di diffusione. La velocità di sviluppo delle tecnologie multimediali richiede agli operatori dell’audiovisivo e delle arti digitali la capacità di aggiornare permanentemente le proprie competenze e di misurarsi costantemente con nuove metodologie di lavoro.
Il biennio di Multimedia approfondisce le teorie e le pratiche della produzione multimediale, la conoscenza della storia dei media, le esperienze contemporanee nel campo della comunicazione, dell’arte, dello spettacolo e lo studio dei linguaggi e delle tecnologie digitali. I media di riferimento sono la fotografia, il cinema e il video nelle loro diverse applicazioni formali e creative.

Dopo aver superato il 1° Anno propedeutico in cui si sono ricevuti i rudimenti di tutte le professionalità coinvolte nella produzione audiovisiva, nel 2° Anno lo studente di Multimedia acquisisce la formazione teorica e le tecniche di base della progettazione e realizzazione di contenuti e prodotti multimediali. La formazione è organizzata in moduli didattici teorici e/o pratici che introducono le principali tecniche e linguaggi di riferimento del corso.

Tecniche di base
Pratiche e i linguaggi della ripresa video e della fotografia - Pratiche e i linguaggi della ripresa audio - Pratiche e i linguaggi del montaggio video - Fondamenti di scrittura - Sound Design - Formati digitali e codifica
Grazie ad un approccio che privilegia da subito lo studio pratico delle tecniche, dell’uso delle attrezzature e del software, nella prima parte dell’anno gli studenti sviluppano le capacità di base necessarie per la creazione di contenuti: scrittura, ripresa video e fotografica, ripresa audio dal vivo e sound design, montaggio. Vengono introdotti concetti fondamentali come l’uso di fotocamere e macchine da presa, l’uso della luce, la scelta delle inquadrature, le tecniche di registrazione microfoniche, tecniche, grammatica e ritmo del montaggio video, i software (es. Première), i principi dell’editing, i tools per il mix audio, i formati e le codifiche audio video.
Le esercitazioni e i progetti in itinere sono pensati per sviluppare verificare l’apprendimento e sviluppare la creatività degli studenti.

Materie generali
Linguaggi audiovisivi - Storia dei nuovi media - Arti multimediali
Parallelamente alle lezioni teorico pratiche, moduli didattici di studio affrontano fondamentali temi come la teoria dei linguaggi audiovisivi, la storia dei Nuovi Media e lo studio delle Arti Multimediali. Attraverso una ricchissima casistica di esempi, studio di testi e audiovisivi e discussioni in aula, viene ampliata la preparazione storica, teorica e culturale degli studenti.

Post produzione, compositing, design
Photoshop - After Effects - Visual Design - Sound Design
Successivamente alla formazione sulle tecniche di base vengono introdotte le principali tecniche di post produzione sulle immagini e il Visual Design. L’uso di Photoshop per il fotoritocco e per la composizione creativa di immagini; After Effects per la post produzione, il compositing e l’animazione video; i principi del Visual Design e della grafica per la multimedialità e per la comunicazione.

Multimedialità applicata e nuove tecnologie
Contenuti per il web - Format TV - Interattività applicata - Videogioco - Mostre e installazioni
I moduli teorico pratici forniscono agli studenti le grammatiche di base su nuovi media, nuove tecnologie, videogiochi, la realizzazioni di mostre e installazioni multimediali. Vengono trattati argomenti multidisciplinari come la progettazione di contenuti per il web, le tecniche base dell’UX design, le tecniche per strutturare siti, applicazione software e contenuti complessi; la storia, le tipologie e le tecniche dei videogiochi; lo studio dell’interattività applicata attraverso la realizzazione di esempi pratici con appositi software (es. Unity 3D); le tecniche di progettazione e allestimento di mostre e installazioni multimediali, il videomapping.

A metà anno il corso partecipa al modulo collettivo (tutte le specializzazioni del 2° Anno) di Format TV dove mette in pratica le competenze acquisite, lavorando in particolare alla creazione di siti web, app, contenuti multimediali anche interattivi per il web e per la messa in onda e alla loro gestione live attraverso software dedicati (es. Resolume Arena), allo streaming e alla gestione dei social.

Progetto finale del 2° Anno
Una produzione multimediale in cui agli studenti è richiesta una dimostrazione di progettualità autoriale che prevede la realizzazione di fotografie, video, suoni, scritti e altri elementi multimediali pensati individualmente nell’ambito di una pubblicazione web collettiva. Il progetto finale è un momento di verifica dei progressi compiuti durante il 2° Anno.

Il 3° Anno, dopo un’inizio pensato per affinare e integrare le competenze acquisite durante il 2° Anno, è in gran parte dedicato alle produzioni.

Nella prima parte dell’anno gli studenti approfondiscono i temi della narrazione attraverso la scrittura con un modulo di Storytelling e attraverso la progettazione visiva con il modulo di Storyboard; si confrontano con l’ideazione, l’organizzazione e la gestione di progetti multimediali con il modulo di Processi Produttivi, proseguono poi la formazione sui software e le tecniche di post produzione e compositing nel modulo After Effects II (avanzato). Chiude questa fase il modulo di Cinema Sperimentale in cui viene analizzata un’ampia casistica di cinema non convenzionale.

Successivamente gli studenti si dedicano alle produzioni di gruppo.

Nella Regia multicamera lavorano, assieme a studenti di Sceneggiatura, Produzione, Regia, Ripresa e Suono alla creazione di uno spettacolo/evento che verrà poi ripreso live attraverso la regia mobile multicamera. Gli studenti di Multimedia collaborano con gli sceneggiatori alla creazione dei contenuti multimediali dello spettacolo e alla messa in scena live dello stesso. In questo modulo viene approfondito l’uso di tecniche e software per le live performance (es. Resolume Arena, P5-Processing, Touchdesiger etc).

Nella produzione di Realtà Aumentata gli studenti di Multimedia e i tutor progettano, realizzano e e assemblano contenuti per l’AR e la fruizione attraverso relativi device.

Seguono le produzioni finali, generalmente due, a cui sono dedicati gli ultimi mesi di corso.

Il Documentario Multimediale, oggetto narrativo e multimediale complesso in cui gli studenti e le specializzazioni che vi partecipano collaborano alla sperimentazione e definizione di modalità narrative, tecniche di produzione e realizzazione, nuove tecnologie, software, installazioni, interazioni con il web e molto altro.

Nel Videogioco, realizzato dagli studenti di diverse specializzazioni sotto la guida di Tutor del settore, vengono messe in atto tutte le fasi di ideazione, realizzazione e pubblicazione di un videogioco: game design, character design, storytelling e sceneggiatura, graphic e sound design, programmazione, test con i gamer, revisione e infine pubblicazione su piattaforme online.

Per entrambe le produzioni è solitamente previsto l’allestimento di un evento finale di presentazione e apertura al pubblico.

Tesi

Ogni studente elabora, sotto la supervisione di un Relatore, una tesi su un argomento a sua scelta. Dopo l'analisi e l'approvazione delle proposte di argomento, il lavoro procede con incontri regolari, mirati alla verifica della struttura, delle fonti, dei contenuti, dello stile, delle appendici e della bibliografia. La tesi viene presentata all'esame finale di diploma.

La programmazione può andare soggetta a variazioni per ragioni didattiche.

L’attività produttiva è una delle caratteristiche qualificanti del biennio, perché permette, verificandole, di mettere alla prova le conoscenze acquisite, sia legandole alle procedure effettive del mondo del lavoro, sia strutturandole didatticamente per sviluppare capacità e attitudini proprie di ogni singolo allievo.

Gli studenti, guidati da docenti tutor, partecipano con le loro competenze alla realizzazione dei prodotti previsti dal piano didattico.

Durante il 2° Anno, oltre alle esercitazioni didattiche e produttive specifiche dei moduli didattici del corso di Multimedia, gli studenti sono coinvolti nella produzione dei format TV realizzati in studio con la regia multicamera. Lavorando in team, gli studenti si mettono alla prova grazie alla simulazione di una committenza professionale, dalla progettazione alla finalizzazione di tutte i contributi multimediali televisivi e web, e alla loro gestione live.
Il progetto finale del 2° Anno prevede inoltre la pubblicazione dei lavori individualisu un sito web realizzato appositamente.

Durante il 3° Anno la classe realizza un progetto di Realtà Aumentata in cui si sperimentano linguaggi e narrazione per nuove tecnologie.

In collaborazione con gli altri corsi del Triennio partecipa alla produzione di due o più progetti. Si elencano esempi di didattica svolta negli ultimi anni:

Regia multicamera - realizzazione, messa in scena e ripresa live di spettacolo multimediale con i corsi di Regia, Sceneggiatura, Ripresa e Fotografia, Produzione, Suono e Montaggio.

Videogioco – con il corso di Animazione il game viene progettato, realizzato, programmato e pubblicato.

Documentario multimediale - con tutti i reparti partecipanti viene progettata e realizzata una produzione audiovisiva e multimediale che prevede anche installazione ed eventi aperti al pubblico.

Una caratteristica fondamentale del biennio, in linea con l'impostazione di tutta la Scuola, è quella di insegnare a scegliere e gestire correttamente le attrezzature tecniche diverse, necessarie per le differenti produzioni audiovisive.

Un fornitissimo magazzino di materiale professionale cine-tv offre la possibilità di conoscere le diverse caratteristiche di un numero rilevante di strumenti per la ripresa video, audio, fotografica, per i movimenti di camera e l’illuminazione.
I laboratori e le produzioni permettono agli studenti la pratica di questa strumentazione nella maniera più corretta, seguita dai docenti in un ambiente produttivo appropriato.

Attrezzature specifiche per il biennio di Multimedia sono un adeguato numero di stazioni multimediali Mac, con installati tutti i software, nelle versioni più aggiornate, necessari per i corsi previsti e a disposizione degli studenti per le esercitazioni.

Agli studenti del biennio è richiesto di dotarsi di un computer portatile personale, con sistema operativo Windows o Mac Os a scelta dello studente.

Tra i corsi previsti all’interno della Civica Scuola di Cinema Luchino Visconti, il biennio di Multimedia (avviato nel 2013) è quello per definizione più sensibile alle trasformazioni dei linguaggi audiovisivi e, di conseguenza, al mutato scenario delle professioni.

Le tecniche e le basi teoriche trasmesse nei due anni di specializzazione garantiscono agli studenti la conoscenza e la consapevolezza delle numerose opportunità nei diversi ruoli possibili, sia nel mondo dei media tradizionali di riferimento come il cinema, il video, la fotografia, sia nel campo dei cosiddetti nuovi media. Gli studenti sono inoltre stimolati a trovare la propria strada come autori indipendenti e costituire nuovi gruppi di lavoro e realtà produttive.

Il percorso formativo è organizzato in modo da offrire agli studenti una conoscenza a 360° dell’ambiente lavorativo e dei ruoli professionali.
Il percorso di studi apre quindi a molteplici opportunità professionali di un settore in continua evoluzione nell’ambito di progetti multimediali artistici e commerciali, quali piattaforme web, installazioni, mostre espositive e diverse declinazioni del linguaggio audiovisivo.

I posti disponibili per il biennio di Multimedia fino a un massimo di 12. Vi accedono gli studenti, già ammessi precedentemente e frequentanti con successo il primo anno del Corso Cinema, Televisione e Nuovi Media, i quali dimostrino di possedere: capacità e volontà di comprendere la complessità della produzione audiovisiva contemporanea, curiosità verso le nuove forme e i nuovi linguaggi presenti nell’ambito delle immagini in movimento e nella comunicazione, attitudine al lavoro di gruppo e capacità di elaborazione personale.

L’ammissione al biennio avviene alla fine del primo anno attraverso un esame di indirizzo, il quale prevede un colloquio sulla base di uno o più elaborati presentati dal candidato, relativi all’analisi di un testo multimediale e/o di progettazione visiva di un tema dato.

Tutti i corsi del biennio, divisi in due semestri, iniziano ai primi di ottobre e terminano a maggio/giugno. Al 3° Anno è previsto un esame finale ai primi di luglio, supervisionato della Regione Lombardia.

La frequenza quotidiana è obbligatoria, dal lunedì al venerdì (dalle 9:30 alle 17:30, con una pausa di un’ora alle 13:30): è consentito un tetto massimo del 20% di assenze sul numero totale delle ore di lezione annuali, il cui superamento comporta l’esclusione dello studente dal successivo percorso didattico.

Sono possibili ore di frequenza straordinaria oltre l'orario e nei weekend, per le necessità di realizzazione dei prodotti audiovisivi previsti dal piano didattico.

Ogni materia di insegnamento prevede un esame di profitto che potrà essere svolto in una delle seguenti modalità:

- Esame scritto (nella forma di test a risposta chiusa e/o domande a risposta aperta)
- Esame orale
- Elaborato (scritto o in formato multimediale)
- Valutazione dell'esercitazione di un corso teorico/pratico
- Valutazione in itinere dell'attività laboratoriale

Per accedere al passaggio tra un anno e l’altro è necessario aver sostenuto e superato tutti gli esami di profitto.

Per accedere all'esame conclusivo è necessario avere sostenuto e superato tutti gli esami di profitto dell’anno e presentare un elaborato conclusivo concordato coi Docenti di riferimento (Tesi).

Ogni anno di corso prevede il conseguimento di 60 crediti formativi (180 per i tre anni).

Il corso è un corso di formazione professionale, tipologia 'Formazione Permanente', autorizzato e riconosciuto dalla Regione Lombardia, ai sensi della L.R. 6 agosto 2007, n.19: “Norme sul sistema educativo di istruzione e formazione della Regione Lombardia”. A fine del triennio rilascia un attestato di competenza.

Dalle immatricolazioni A.A. 2018/2019 la Civica Scuola di Cinema Luchino Visconti rilascerà titoli equipollenti alla laurea triennale.

La Scuola ha, tra gli obiettivi principali, l’inserimento dei giovani diplomati e studenti in corso nel settore lavorativo di pertinenza e pone particolare attenzione alla fase di avviamento professionale. Nel piano di studio è possibile, al di fuori del periodo del calendario scolastico o accademico, svolgere tirocini curriculari entro la data di diploma.

Il Servizio Job Placement opera in stretto contatto con le realtà produttive del territorio, con i docenti e con gli studenti per sviluppare, promuovere e intercettare le richieste provenienti dal comparto produttivo dell’audiovisivo, di tirocinanti e professionisti junior. Tali azioni sono finalizzate a determinare l’incontro tra il nostro parco studenti/diplomati e i professionisti del settore, nell’ottica dell’inserimento professionale.

La Scuola detiene una rete di contatti sul territorio nazionale e rileva un cospicuo numero di diplomati presenti nel mercato audiovisivo.
Queste sono alcune realtà con le quali la Scuola ha operato negli ultimi anni: Rai, Sky, Mediaset, Wildside, Groenlandia, Possible Film, Magnolia, Fremantlemedia Italia, Yam112003, Edi Effetti Digitali Italiani, Indiana Production, 3Zero2 SpA, Frenesy Film, Tarpini Production, Filmmaster, HFilms, Maga Animation, The Big Mama, Bananas Media Gut, Balich, Bedeschi Film, Band22, Viacom, Studio Azzurro, Videoproject, Feedback Audiovideo, FilmGood, Showbiz Movies, Rumblefish, You Are, Agis Lombarda.

Corso Cinema Multimedia