CORSI BREVI / ESERCIZI DI CINEMA

Girare una scena: esercitazioni

Il genere, lo stile registico, la macchina da presa: teoria e prassi della messa in scena

Descrizione Corso

a cura di Simone Scafidi

Date del corso: 6 febbraio - 6 marzo 2017

L’obbiettivo del corso è quello di fornire ai partecipanti le regole basilari della messa in scena. Partendo dal testo di una singola scena, gli studenti saranno coinvolti in alcune semplici, ma stimolanti esercitazioni, legate al genere cinematografico, allo stile di regia e all’uso della macchina da presa.

Programma

Il genere, lo stile, la camera (12 h)

  • Dalle origini alla grande serialità televisiva: breve storia dei generi cinematografici e delle loro caratteristiche
  • La grande produzione degli studios, le correnti cinematografiche, gli autori fuori dalle regole: analisi della regia e dello stile
  • Mi si nota di più se sto fermo o se mi muovo? La posizione della camera in relazione a spazio e interpreti, camera fissa vs movimento, la composizione visiva e l’organizzazione dello spazio filmico: indicazioni di base sull’uso della camera

Scrittura e preparazione alle riprese (12 h)

  • Primo incontro e secondo incontro: Una scena e le sue tre variazioni. Scelta del genere, dello stile di regia e dell’uso della camera con i quali affrontare e riscrivere una scena di partenza in tre varianti.
  • Terzo incontro. Preparazione alle riprese

Riprese (in aula o negli spazi comuni della scuola) (12 h)

  • Riprese del primo video
  • Riprese del secondo video
  • Riprese del terzo video

Laboratorio di montaggio (12 h)

  • Montaggio dei tre video
  • Conclusioni

Feedback e conclusioni (2 h)

Obiettivi del Corso

L’obbiettivo del corso è quello di fornire ai partecipanti le regole basilari della messa in scena.

Dopo una prima parte di analisi cinematografica, il corso proseguirà con un piccolo laboratorio di messa in scena. Partendo dal testo di una singola scena, gli studenti saranno coinvolti in alcune semplici, brevi, ma stimolanti esercitazioni. Da una situazione base si realizzeranno tre variazioni, legate al genere cinematografico, allo stile di regia e all’uso della macchina da presa.

I generi più amati dagli spettatori contemporanei, che siano quelli della grande serialità televisiva o quelli della sala cinematografica, sono in fondo sempre gli stessi dal 1930 a oggi. Codificati nella Grande Hollywood, personalizzati dai più passionali registi europei e orientali, elevati a opera d’arte e simultaneamente di intrattenimento dalle serie tv degli anni 2000, i generi sono la gioia delle case di produzione e la delizia del pubblico.

Lo stile registico, la scrittura per immagini, l’impronta di un autore rispetto ad un altro sono alcune delle grandi questioni che, da sempre, infiammano il dibattito critico e scatenano l’entusiasmo dei fan.

L’uso della camera, il senso dei movimenti, il significato dei punti macchina, sono alcuni dei nodi cruciali per conoscere al meglio la grammatica della regia e per affrontare la plasticità del cinema.

Dopo una prima parte del corso teorica, i partecipanti vivranno una rapida, quanto appassionante, immersione nelle dinamiche della gestione delle immagini e nelle regole della messa in scena.


Altri Corsi